Per la rubrica A tavola con Outletarreda oggi vi vogliamo proporre due piatti tipici friulani che sono il frico e la polenta con funghi porcini; due piatti gustosi, genuini e semplicissimi da preparare. La cucina friulana è una cucina tipicamente “povera”, eppure chi ha modo di provare le nostre ricette si rende subito conto di come da un piatto all’apparenza semplice ne possa nascere un grande trionfo di profumi e sapori!

I due piatti della ricetta per Pasqua che vi stiamo per presentare sono generalmente considerati come secondo piatto e contorno, pertanto possono seguire altre pietanze ma -per esperienza personale- vi consigliamo di considerare il frico come piatto unico o di dimezzare le porzioni per un secondo piatto!

Il frico

Il frico è un tortino di patate e formaggio (possibilmente montasio), fatti amalgamare assieme in fase di cottura. Il montasio può essere di diverse stagionature, in base ai gusti personali; se non riusciste a trovare il montasio nella vostra zona, andrà bene un altro formaggio stagionato. Di seguito la ricetta del frico friulano:

Frico friulano con patate, montasio e cipolla

Frico friulano con patate, montasio e cipolla

Ingredienti (2/4 persone):

  • Patate 500 gr.
  • Montasio (stagionato o semi-stagionato) 500 gr.
  • Cipolle 200gr. mondate
  • Olio extravergine di oliva 50 gr.
  • Sale
  • Pepe

Procedimento:

  • Tagliate la cipolla a rondelle
  • Bollite le patate con la buccia
  • Grattuggiate le patate (senza buccia) con una grattuggia a fori grossi
  • Grattuggiate anche il montasio in grossi pezzi (senza scorza)
  • In un tegame capiente versate 40 gr di olio e la cipolla
  • Fate soffriggere qualche minuto, dopodichè aggiungete le patate grattuggiate
  • Cuocere per 10 minuti ca.
  • Aggiungere il montasio, sale e pepe a piacere, e far cuocere a fuoco medio per 20 minuti ca. mescolando per far sciogliere il formaggio completamente.
  • In una padella antiaderente fate scaldare un filo d’olio ed aggiungete il frico (senza mescolare) fino ad ottenere una doratura, a questo punto girate il frico e dorate l’altro lato (come una frittata)
  • Adagiatelo su di un tagliere o un piatto da portata (occhio al grasso), tagliate e servite!

Il frico sarà anche della nostra terra, ma ci siamo aiutati con la ricetta di GialloZafferano, un must per tutti gli aspiranti cuochi.

La polenta con funghi porcini

La polenta è un piatto tipico di tutto il nord-est che proprio per la sua semplicità e velocità rimane uno dei nostri capisaldi ancora oggi; ottima come sostituto a pane e pasta oltre che versatile per un grande numero di ricette. Per la ricetta di Pasqua ve la vogliamo proporre servita con sugo di funghi porcini.

Polenta cremosa con sugo di funghi porcini

Polenta cremosa con sugo di funghi porcini

Ingredienti per 2 persone:

  • 180 g di farina bramata
  • 300 ml di polpa di pomodoro
  • 200 g di funghi porcini puliti
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1 spicchio di aglio
  • olio di oliva
  • sale

Procedimento:

  • Fate bollire circa 750 ml d’acqua in una pentola capiente ed altri 500 ml circa in un pentolino a parte
  • Aggiungete la farina a pioggia, mescolando energicamente. Mano a mano che aggiungete la farina, allungate dosando a piacere l’acqua del pentolino, cercando di ottenere come risultato finale una crema
  • In un tegame fate soffriggere l’aglio con l’olio
  • Aggiungete i funghi porcini a cubetti (potete usare funghi freschi, surgelati o secchi: i funghi secchi devono rimanere in ammollo almeno 24 ore) e fateli rosolare, abbassando la fiamma.
  • Aggiungete la polpa di pomodoro e un po’ di acqua se è troppo ristretta.
  • Fate cuocere con coperchio mescolando di tanto in tanto. Salate e aggiungete il prezzemolo fresco tritato.
  • Una volta pronta la polenta versatela su un tagliere di legno o un piatto da portata e fate una conchetta al centro così da aggiugnerci il sugo di funghi porcini. In alternativa potete guarnire i singoli piatti

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso visita la nostra Privacy e cookie policy. Chudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie. Privacy e cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi