C’è la casa-nido, quella aperta ed informale, quella curata nei minimi particolari, la casa ultra-moderna e quella estremamente classica. L’arredamento, la disposizione dei mobili, il colore delle pareti e l’oggettistica comunica gusti, umori e caratteristiche dei proprietari di casa diventando il loro primo biglietto da visita.
Il rapporto che nasce tra la casa e chi ci abita è quasi di fusione, trasformandosi nella vetrina delle esperienze vissute e degli umori. Ogni spazio domestico cambia con noi seguendo la nostra evoluzione personale e quella dei tempi in cui viviamo. Entriamo quindi nel dettaglio ed analizziamo “stanza per stanza” il loro significato nascosto.
Il soggiorno in questo spazio viviamo la nostra socialità, il nostro spirito conviviale, ci apriamo agli amici e ai parenti e mostriamo parte dei nostri interessi e delle nostre passioni. Chi ha un soggiorno molto grande ha la possibilità di creare delle nicchie per differenziare le proprie attività solitamente legate a momenti di relax e di svago: la televisione, lo stereo, i libri o il computer. Sicuramente l’abbondanza di libri comunica la voglia di sapere e d’informarsi delle persone che ci vivono. Gli oggetti esposti provenienti da molti parti del mondo danno l’idea di una persona che ha viaggiato o che comunque apprezza la diversità. Il soggiorno privo di foto o di elementi emozionali trasmette freddezza e poca voglia di farsi “leggere” dentro. La stanza piena di trofei e di conferimenti, messi appositamente in evidenza, comunica l’intenzione di voler apparire e di voler far parlare di se attraverso gli oggetti. In questa stanza mostriamo quello che vogliamo che gli altri sappiano di noi, del nostro passato e delle nostre preferenze.
La cucina – è il luogo della famiglia, del ritrovo dopo una giornata fuori casa. A volte, soprattutto se è capiente, viene condivisa con gli amici e i parenti. Anche qui è possibile catturare i gusti di chi la usa più spesso, solitamente una donna: se sul davanzale ci sono piantine aromatiche significa che ama la natura, se è tappezzata di disegni dei figli vuol dire che prevale la sua natura materna, se è piena di libri e riviste di gastronomia significa che è un’amante della buona cucina.
La camera da letto – è la stanza degli affetti, della sessualità e naturalmente del riposo. Un ambiente difficilmente mostrato agli estranei perché ricco di oggetti privati. Se la stanza è accogliente e calda significa che il desiderio è quello di creare un’atmosfera intima soprattutto con il proprio partner. Alcune persone non amano circondarsi di quadri alle pareti, soprattutto degli antenati o dei santi, poiché si sentono quasi a disagio all’idea di essere “osservati” da queste figure del passato.
Il bagno una volta era la stanza nella quale ci si dedicava, per un tempo ristretto, alla propria pulizia. Oggi la diffusione di vasche idromassaggio, di prodotti aromaterapici, di strumenti dedicati alla bellezza di tutto il corpo, ha fatto lievitare le ore di permanenza e ha rivalutato questo ambiente. All’interno del bagno prevale la voglia di recuperare un benessere fisico ma anche psichico: nel bagno ci si rilassa, ci si coccola, si lasciano alle spalle i problemi.
La presenza di molti specchi nell’abitazione sta a significare la voglia di controllare la propria immagine in qualsiasi momento della giornata e quindi il desiderio di essere sempre perfetti. Le stanze vuote ed essenziali sono a volte segno di grande raffinatezza, sempre che i pochi oggetti presenti siano di grande valore, al contrario la povertà dell’arredo mostra una persona con pochi legami o depressa con scarsa voglia di costruire attorno a se un’atmosfera accogliente.
Se gli oggetti e i mobili occupano molto spazio all’interno delle stanze in modo da rendere quasi difficoltosa la circolazione, forse c’è la voglia di fermare il tempo e le persone che ci vivono. Se le pareti delle stanze sono colorate comunicano originalità e voglia di emergere dalla banalità.
A volte non basta una vita per costruire un arredo “perfetto” per la propria casa. Non bisogna affidarsi a soluzioni standard o predefinite, né alle mode del momento, l’arredo della casa va costruito senza fretta ispirandosi a quello che offre il commercio ma dosandolo con maestria perché “vesta” la nostra casa in modo personalizzato.

Fonte: Article Marketing Italia

Redazione Donna

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso visita la nostra Privacy e cookie policy. Chudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie. Privacy e cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi